Profumo (Unicredit) valuta il suo ampliamento in Premiere

News inserita da:

Fonte: MF

T
Televisione
  martedì, 28 agosto 2007
 00:00
Luca Toni, il centravanti della nazionale passato quest'estate al Bayem Monaco, potrebbe non essere l'unico italiano a cercar fortuna nel campionato tedesco di calcio. Ad accompagnare il bomber azzurro nella Bundesliga potrebbe essere niente meno che il numero uno di Unicredit Alessandro Profumo. Piazza Cordusio, infatti, potrebbe essere interessata a un investimento in Premiere, gruppo televisivo di Monaco che detiene i diritti della Bundesliga almeno sino alla stagione 2008/09 e che ora sta preparando un aumento di capitale da 250 milioni di euro, curato dalla stessa Unicredit.
 
Piazza Cordusio, d'altronde, aveva cominciato a interessarsi al mercato televisivo tedesco a inizio di luglio, quando, con una quota del 10%, era entrata nel capitale dì Premiere Star, società controllata al 90% da Premiere che sarà lanciata a inizio di settembre. Il varo del nuovo progetto avverrà, infatti, con l'inaugurazione di una piattaforma satellitare che si occuperà della diffusione di prodotti tematici, quali programmi storici o geografici. Calcio, però, escluso, visto che la Bundesliga non è considerata un prodotto tematico, ma il piatto forte dell'offerta dell'emittente di Monaco.
 
Se sinora quindi Unicredit aveva limitato il proprio interesse a un emittente di nicchia, ora potrebbe esserci il passo gruppo televisivo vero e proprio. Premiere, infatti, ha deciso di lanciare un aumento di capitale da 250 milioni di euro per potersi garantire ulteriori mezzi monetari per ottenere i diritti sui campionati di calcio 2009/2010, 2010/11 e 2011/12, diritti che verranno messi in vendita in autunno. E siccome le azioni verranno offerte in via preferenziale agli attuali azionisti di Premiere (16,7% in mano al società svizzera Pictet&Cie e il resto flottante) e ai gruppi legati all'azienda televisiva, Unicredit si trova in una posizione molto favorevole qualora volesse decidere di aumentare la propria esposizione nel mercato televisivo tedesco.
 
D'altronde, non va dimenticato che insieme a JP Morgan, sarà proprio l'investment bank di Piazza Cordusio, Unicredit Mib, a curare l'aumento di capitale di Premiere, quindi non è da escludere che un primo piccolo passo in questo senso potrebbe essere fatto tramite l'esercizio di una greenshoe. Va detto, però, che 250 milioni di euro non sono molti per poter competere nel mercato dei diritti televisivi del calcio tedesco. La stessa Premiere, per aggiudicarsi le concessioni per la stagione 2005/06 dovette pagare circa 180 milioni di euro. Tuttavia, fanno sapere dal gruppo di Monaco, i nuovi mezzi finanziari serviranno per rafforzare la potenza di fuoco che l'azienda potrà mettere in campo quando si arriverà al momento delle offerte.
 
Luciano Mondellini
per "MF"

Ultimi Video

Palinsesti TV