''Tutti in piedi'', da Bologna in diretta con Michele Santoro su Current e via web

''Tutti in piedi'', da Bologna in diretta con Michele Santoro su Current e via web

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat

T
Televisione
  venerdì, 17 giugno 2011
 06:00

Venerdì 17 giugno alle ore 21.00 sul canale italiano dell'Informazione Indipendente, il giornalista al centro dell'attenzione degli ultimi giorni, Michele Santoro, celebra in diretta dal parco di Villa Angeletti a Bologna la festa nazionale per i 110 anni della Fiom, in solidarietà con i lavoratori di Current Tv costretti a dover lasciare la piattaforma satellitare di Sky dal 31 luglio.

''Tutti in piedi'', da Bologna in diretta con Michele Santoro su Current e via webCon il titolo Signori, entra il lavoro. Tutti in piedi! va in onda su Current Tv un ulteriore esperimento televisivo, che che si propone di bissare il successo record di 'Rai per una notte' registrato il 25 marzo 2010 sempre nel capoluogo emiliano, sempre in diretta su Current, in streaming sul web e su alcune tv locali e sempre con il sostegno attivo del pubblico.

L'ingresso alla serata è infatti gratuito e aperto a tutti ma conta sul contributo del pubblico per coprire il budget di produzione con un versamento di 2,50 euro tramite PayPal o telefonando al numero 899 606050.

Con Tutti in piedi si replica dunque l'innovativa formula a partecipazione diretta del pubblico, finanziatore e protagonista attivo di una serata multipiattaforma che coniuga web e tv: chi vuole seguire l'evento da casa può sintonizzarsi su Current (canale 130 Sky) unica rete nazionale a trasmettere il live oppure su una delle decine di televisioni locali che hanno aderito [qui per l'elenco ufficiale]. Lo streaming internet sarà visibile su www.ilfattoquotidiano.it e su tutti i siti (come Repubblica.tv o Corriere.it) che riprenderanno il segnale.

''Tutti in piedi'', da Bologna in diretta con Michele Santoro su Current e via webDiritti, democrazia, legalita', lavoro, contratto sono i temi al centro della serata evento di Tutti in piedi e in questo contesto Michele Santoro e il suo gruppo esprimono solidarietà al canale  italiano fondato da Al Gore al grido di "Salviamo Current".

Un'appello sentito che Santoro condivide in difesa di quel modello di 'altra informazione' senza padroni, diversa dai canali main stream e crossmediale che i dipendenti di Current hanno prodotto e proposto attraverso nuovi linguaggi della comunicazione, sui media più moderni e sperimentali, unici e inediti per il nostro Paese.

Dall'8 maggio 2008 Current ha intecettato e cavalcato quel vento di cambiamento che oggi muove con maggiore forza il nostro Paese.

Come Santoro, sono diversi gli ambasciatori della cultura, dell'informazione italiana, i personaggi pubblici e semplici cittadini che in queste ore stanno manifestando la loro vicinanza e il loro sostegno per fermare la chiusura di Current. Sapendo che l'elenco di adesioni continua a allungarsi di ora in ora la campagna Salviamo Current può contare già su: Roberto Saviano, Luca Zingaretti, Leo Gullotta, Niccolò Ammaniti, Roberto D'Agostino, Giovanna Melandri, Federico Zampaglione, Claudia Gerini, Caparezza, Luca Telese, Donatella Rettore, Angela Rafanelli, Riccardo Luna, GreenPeaceItalia, Istituto Luce Cinecittà, Roma Independent Film Festival, LifeGateRadio e tanti altri.

Caso chiusura Current Tv - Link Utili

Sondaggio via Facebook:

Ultimi Video

Palinsesti TV