Campo dall'Orto: Ti Media si avvicina al break even

News inserita da:

Fonte: MF

T
Televisione
  venerdì, 25 maggio 2007
 00:00

I primi risultati del secondo trimestre confermano l'accelerazione del processo che ci sta portando verso il break even a livello di ebitda

Campo Dall'OrtoAntonio Campo Dall'Orto, amministratore delegato di Telecom Italia Media, fa il punto della situazione sul suo gruppo dopo il ribaltone che ha sconvolto la compagine azionaria della controllante Telecom Italia. 

Da dove arrivano i progressi più significativi?
Dai progressi in due aree. Da un lato il miglioramento dei conti della televisione free to air, dall'altro la riduzione delle perdite del digitale terrestre. 

Quali segnali sono arrivati dal mercato pubblicitario tra aprile e maggio? 
Per adesso i segnali sono contrastanti. I dati Nielsen del primo trimestre dicono che il mercato nel suo complesso non cresce e in particolare la televisione tradizionale è calata in maniera netta. Noi, invece, siamo cresciuti di oltre il 15% su La7 e oltre il 10 su Mtv. Ciò significa che le aziende tendono a premiare i prodotti a valore aggiunto e più mirati.

La dinamica dei costi è da sempre il vostro punto  debole ma dovrebbe servire per guadagnare audience. Come è la situazione?
Abbiamo investito molti soldi negli ultimi tre anni. Adesso cominciamo a accogliere i frutti in termini editoriali. La7 è un brand riconosciuto, forte e credibile. Tre anni fa non lo era. Alla base dell'aumento della crescita pubblicitaria c'è questo salto di qualità. 

Voi siete diventati anche il Competence Center di Telecom per tutte le piattaforme. Come va l'esperienza pilota della Coppa America?
L'esperimento sta andando bene. Per la prima volta abbiamo acquisito i diritti della manifestazione per tutte le piattaforme. L'abbiamo distribuita ovunque ma facendo in modo che ogni prodotto avesse una sua specificità. Su La7 il palinsesto delle regate lo decidevamo noi,su Rossoalice erano a disposizione tutti i match race, sulla pay per view del digitale terrestre l'abbonato poteva decidere l'orario in cui seguire le gare. 

Che impatto avrà la legge Gentiloni sul vostro business?
Puntiamo molto sulla Gentiloni perché ha l'obiettivo di ridurre la concentrazione del mercato pubblicitario. Ma non deve essere rivolta solo contro Mediaset, deve coinvolgere anche la Rai.

Cosa cambierà con la conquista di Endemol da parte di Mediaset?
L'ho trovata una mossa molto intelligente e un'operazione ben riuscita. Endemol è la prima casa di produzione al mondo e può portare in Italia quella contaminazione positiva attinta con l'esperienza sui mercati intemazionali.

Andrea Cabrini
per "MF"

Ultimi Video

Palinsesti TV