Maria De Filippi: 'Caro Pippo, ecco perché faccio litigare in tv''

News inserita da:

Fonte: La Stampa

T
Televisione
  sabato, 01 marzo 2008
 00:00
Baudo l’altro giorno ha chiamato in causa «Amici» di Maria De Filippi come esempio di tv trash. Ecco la replica della conduttrice.

Le cose cambiano è il titolo di un’opera di Mamet, credo degli Anni ‘80 dove in modo mirabile è stigmatizzato l’evolversi dei fatti e delle umane vicende senza che necessariamente si abbiano pronostici attendibili. I cambiamenti arrivano non preannunciati e tutto sta nel rendersene conto.

Perché il Festival dovrebbe essere lo stesso di dieci anni fa? Baudo si allarma perché accusato non si sa da chi e non si sa perché. Quello è il Festival e lui è quello che lo sa fare meglio. Lo spettacolo è buono, dicono in tanti, ma il pubblico è diminuito, e allora? Trovo sconveniente accapigliarsi sulla tv di qualità. Chi stabilisce cosa sia la qualità? Colui che è unto del Signore? Cosa fa stabilire chi sia titolare della qualità e chi no? Avvelenato dalle critiche, Baudo sparge accuse qua e la. Chissà poi perché non difende il suo operato invece di far paragoni e tirare in mezzo chi non c’entra.

Il picco d’ascolto arriva al momento della lite tra Fegiz e Cutugno. Ecco, guarda come paga la lite in tv. Ecco, se tutti si prendessero a pesci in faccia, s’appagherebbe la rete dell’ascolto mancato. Ma se l’assunto del programma è la rassegna della canzone italiana, perché ci si deve stupire se, di fronte all’intoppo, il dito sul telecomando si congela? Quella è una rassegna e l’intoppo non dovrebbe esserci. Se c’è, mi fermo e guardo come va a finire. Se mi fermo però, per qualcuno sono una cretina, ignorante, amante del trash. Ma perché?

La discussione è l’esposizione di due diversi pareri (a parte il fatto che «discutere» dal latino scuotere - il pubblico?), e più i diversi pareri sono capaci di accogliere accoliti in entrambe le fazioni e più interessano. Veltroni e Berlusconi fanno più ascolto se s’incontrano e discutono dei loro diversi punti di vista piuttosto che se li espongono autonomamente. Obama e la Clinton, ma anche Padoa-Schioppa e Tremonti oppure Mughini e Mosca, Mancini e Galliani. Chi altri? Il nostro vicino di casa con il resto dei condomini, la signora sull’autobus per il posto a sedere, le file alla posta per chi è arrivato prima. Queste ultime non interessano? E infatti non vanno in tv. Ma le altre, da Forum a Ballarò, funzionano perché interessano. Perché interessano? Non ho certezze, ma solo due idee.

La prima è che quando le cose non vanno tanto bene
e intorno a te non riconosci una guida o un’idea forte, cerchi di farti un’idea. Non c’è «papà» che ci pensa, chiunque esso sia, dal primo ministro all’allenatore, al capufficio, al sindaco. Così, quando qualcuno espone un parere e magari qualcun altro lo espone opposto, ti senti anche tu chiamato a prendere una posizione. Hai voglia di inserirti ed esprimere, magari tra te e te, o con tuo marito, il tuo pensiero. Purché la discussione sia comprensibile, segua un percorso e richiami una riflessione.

La seconda idea mi appartiene proprio e non solo professionalmente, ma è nel mio lavoro che la ritrovo più spesso. Raccontare una storia da condividere. Se racconto una storia che contenga sentimenti, che siano d’amore, di affetto, di amicizia, di speranza, so che qualcuno mi starà a sentire. E se poi di quella storia darò un esito, anche minimo, so che la gente mi starà a sentire ancora di più. Perché in un frangente di vita dove tutto sembra immutabile pur mutando alla velocità della luce, il paradosso è proprio qui: trovar conforto, sentendosi parte di qualcosa, cercando di capire quel che succede e poi accettare che le cose cambiano. Anzi, il bello è proprio questo: sperare che le cose cambino.

Per carità, è questione di punti di vista e questo è solo il mio. Ma tant’è, se qualcuno sarà d’accordo con me e qualcun altro no, potrebbe instaurarsi una discussione e chissà che non si ottenga il favore del pubblico?

Non dimentichiamoci che abbiamo una regione invasa dalla spazzatura, abbiamo un Parlamento dove mangiano la mortadella e si tirano i pezzi di pane, abbiamo ministri indagati, forse maestri pedofili e onorevoli in attesa di giudizio che non arriverà perché onorevoli. Mi pare che le storture siano così tante e così all’ordine del giorno - pur volendo evitare in ogni modo demagogia spicciola - che se Sanremo fa qualche punto di share in meno, ma che sarà mai?

Maria de Filippi
per "La Stampa"

Ultimi Video

  • Sky Wifi, la visione del futuro

    Sky Wifi, la visione del futuro

    Solo chi ha sempre creduto nell’innovazione e nella creatività è in grado di immaginare il futuro.  E solo chi è in grado di immaginarlo può trasformare quella v...
    S
    Sky
      giovedì, 18 giugno 2020
  • ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    La sfida Cina – Stati Uniti, il ruolo dell’Europa, il nuovo ruolo delle città intelligenti e le opportunità nei settori del turismo, della cultura, dei trasporti e dell&rsquo...
    S
    Satellite
      mercoledì, 20 maggio 2020
  • ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    Ecco il primo Tech Talk organizzato da Comunicare Digitale in collaborazione con Natlive. Personalità di grandissimo livello si sono confrontate Martedì 28 Aprile per questo primo approf...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 28 aprile 2020

Palinsesti TV