25 anni dal Muro di Berlino, anche la tv si ricorda la caduta

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat

T
Televisione
  sabato, 08 novembre 2014
 11:12

Non solo telegiornali: al 25esimo anniversario della caduta del muro di Berlino, il 9 novembre, radio e tv dedicano ampi spazi nei loro palinsesti. 

Sabato 8 novembre la rubrica di Tg Parlamento “7 Giorni”, in onda su Raiuno, trasmetterà un approfondimento e un’intervista a Gianni De Michelis, Ministro degli esteri in quel periodo, come pure Agenda sul Mondo, la rubrica d’informazione del Tg3 uno speciale sulla storica data. Anche Buongiorno Europa, la rubrica settimanale della Testata Giornalistica Regionale,  nella puntata in onda domenica 8 novembre alle 11,10 sulla Terza Rete si occuperà dei 20 anni dalla caduta del Muro di Berlino. Mentre RegionEuropa, l’altra rubrica settimanale della Tgr, proporrà un numero speciale dedicato ai riflessi nell'Europa con la riunificazione delle due Germanie.

Il 9 novembre, giorno del ventennale della caduta del Muro (costruito nel 1961) che aprì nuovamente le frontiere fra Est o Ovest, ampi spazi saranno dedicati all’evento nelle varie edizioni dei Telegiornali con collegamenti da Berlino, interviste e approfondimenti. Prima finestra su Berlino nell’edizione di Unomattina e puntata Speciale di Porta a Porta, in seconda serata,  su Raiuno. Puntata tematica anche per Cominciamo Bene, il programma del mattino di Raitre, mentre  Il Gt Ragazzi, sempre su Raitre darà la parola ai giovanissimi, per capire assieme, tra interviste e servizi, il senso della memoria sull’evento che venti anni fa avrebbe cambiato gli equilibri del mondo e la vita di tante persone. Linea notte del Tg3 proporrà collegamenti da Berlino ed avrà in studio Carmen Lasorella e Flavio Fusi che nel 1989 raccontarono l’evento nelle varie dirette dei Telegiornali Rai.

RaiNews24 comincerà di primo mattino con “il Caffè” del direttore Corradino Mineo per proseguire con un documentario che ricostruisce le vicende di quella giornata. Per tutto il giorno, poi, svariate finestre in diretta da Berlino per seguire le cerimonie. Lunga carrellata di testimoni tedeschi e dei Paesi dell’allora cortina di ferro nel pomeriggio e lungo speciale dalle 21.30 dal titolo “Prima della caduta”,un lungo e dettagliato racconto su cosa è stata la guerra-fredda anche sul piano militare. Il canale Raistoria invece riproporrà in rigoroso ordine cronologico il flusso di notizie da Berlino non più divisa dopo 28 anni di muro.

Alle 22.30 su Rai Storia «Speciali Storia-9 novembre 1989: il giorno in cui cadde il muro»; su Rai Premium alle 21.15 in prima visione il film tv «Il Tunnel» di Paolo Poeti.


In occasione dei 25 anni dalla Caduta del Muro di Berlino, SABATO 8 NOVEMBRE dalle ore 21:15 FOCUS (digitale terrestre free canale 56 | Sky canale 418) dedica una serata speciale alla celebrazione dell'avvenimento che ha cambiato l'assetto e la storia dell'Europa contemporanea.

Attraverso due titoli in Prima Visione Assoluta in Italia: "All'ombra del Muro" (UK, BBC, durata 1h30') e "1989: la notte più lunga" (USA, durata 60'), ripercorreremo una delle pagine cruciali della storia recente, incentrata sul muro lungo più di cento chilometri e alto più di tre metri che per 28 anni divise una città condizionando in modo indelebile la storia dei cittadini di Berlino. E gli equilibri politici del mondo intero.

Berlino è un luogo simbolo nelle coscienze di tutti noi europei, tante le volte in cui la città è stata snodo cruciale nella storia e negli assetti politici del nostro continente. Nello specifico, la storia del suo muro divisorio esistito tra il 1961 e il 1989 come "baluardo" del mondo socialista di fronte al dilagare del capitalismo, è la testimonianza concreta di una grande vergogna dell'umanità che divise una città e le sue famiglie per più di una generazione e che causò la morte di centinaia di giovani uccisi nel tentativo di passare nella parte ovest della città. Un incubo che nel 1989 si infranse in milioni di frammenti, immediatamente trasformati in ricercatissimi souvenir.

Il TV Movie All'ombra del Muro che FOCUS trasmette in prima tv assoluta sabato 8 novembre, come il muro cui è dedicato, ha due facce: eroi e traditori, vincitori e sconfitti, buone intenzioni e scelte sbagliate. La narrazione passa attraverso le testimonianze dirette di chi ha vissuto all'ombra della Stasi, la polizia politica creata per controllare la città con l'impiego massivo di 850mila agenti full-time, migliaia di informatori e centinaia di spie che notte e giorno controllarono un terzo della popolazione per quasi trent'anni.

Subito dopo, il documentario "1989: la notte più lunga" - un prodotto inedito realizzato da Sky Vision quest'anno proprio in occasione del venticinquennale - farà vivere la drammatica ricostruzione di quello che accadde nel 1961, grazie ad un mix di lettere, diari dell'epoca e foto d'archivio ma soprattutto,  grazie all'intervista inedita con Adam Kellett-Long, all'epoca corrispondente della Reuters, uno dei pochi giornalisti occidentali che vissero e lavorarono a Berlino Est in quel periodo e che poterono testimoniare di questo evento proprio perchè lo videro accadere sotto i propri occhi.


9 novembre 1989, un giorno che ha cambiato la storia. A 25 anni dal crollo del muro di Berlino, il mondo ricorda l'evento che ha accelerato la fine della guerra fredda, rivoluzionato gli equilibri internazionali e la storia dell'Europa. Sky TG24 HD segue questa giornata di commemorazione con lo speciale «Al di là del muro», in onda domenica 9 novembre, dalle 18, con collegamenti live da Berlino, Bruxelles e Washington. Lo speciale vedrà alla conduzione Federica de Sanctis, mentre dallo Sky Wall Renato Coen proporrà approfondimenti sui cambiamenti storici e geopolitici che l'unificazione delle Germania ha portato. Tra i contributi dello speciale, un'intervista a Enrico Letta sul futuro della Ue e un intervento di George Bush Senior. L'allora presidente degli Stati Uniti ricorda la caduta del muro e come visse quel complicato momento storico. «Vorrei che la smettessimo di usare l'Europa come scaricabarile. Scarichiamo le responsabilità sull'Europa - dice Enrico Letta - e così ci scarichiamo anche la coscienza. Bisogna ricordare che l'Europa ha portato benessere. Ho visto l'ultimo Eurobarometro, l'Italia è passata a essere uno dei paesi più euroscettici. Dovremmo ricordarci di tutte le cose positive che l'Europa ha portato a noi e ai paesi dell'Est». «Quando ho iniziato il mio mandato - ricorda George Bush Senior - nel gennaio del 1989, nessuno avrebbe potuto prevedere gli eventi che avremmo visto trasparire nel corso dei due anni seguenti. È stato un momento di cambiamento drammatico e storico». Ospiti in studio leader politici, editorialisti e notisti, per commenti e analisi. Tra gli altri: Angelo Bolaffi, Michael Brown, Pierferdinando Casini, Giuseppe Civati, Achille Occhetto, Sergio Romano. «Al di là del muro» sarà disponibile anche su skytg24.it. Il dibattito attorno ai temi trattati nello speciale si estenderà anche ai canali Facebook e Twitter ufficiali di Sky TG24: fb.com/SkyTG24 e twitter.com/SkyTG24


Rai1 ricorderà l'evento nel contenitore pomeridiano Domenica In, mentre su Rai5 alle 21.15 sarà trasmesso dal Teatro Regio di Torino «Nove novembre Berlino 1989», concerto spettacolo a cura di Andrea Bajani e Giovanni Sollima, con le musiche di cento violoncelli e le letture di Andrea Bajani e Michela Cescon. La squadra del programma di Radio2 Caterpillar AM (Filippo Solibello, Claudia de Lillo, Marco Ardemagni e Cinzia Poli) sarà a Berlino e «irromperà» nei programmi domenicali del canale per raccontare dal vivo  l'atmosfera nella capitale tedesca. Ancora in diretta da Berlino Filippo Solibello e Marco Ardemagni nella puntata di Caterpillar AM lunedì 10 dalle 6 alle 7.30.


Anche la Tv della Cei, Tv2000, ricorda l'anniversario: sabato 8 novembre alle 20.30 Tv2000 propone una puntata de La Grande Storia, firmata da Oliver Halmburger, su Muro di Berlino.


In occasione del 25° anniversario dalla caduta del Muro di Berlino, lunedì 10 novembre in seconda serata Cielo (DTT canale 26, Sky canale 126 e TivùSat canale 19) presenta la serata speciale GLORY WALL: IL SESSO SOPRA BERLINO, due documentari per scoprire le abitudini sessuali dei berlinesi, dai tempi della Germania divisa dal muro ad oggi.

Si parte con l'interrogativo I comunisti lo facevano meglio? (titolo originale: Do Communists Have Better Sex - di André Meier) che, attraverso documenti dell'epoca, spezzoni di reportage, servizi di inchiesta, film e show tv, esplora il paradosso sessuale presente nella comunista Germania dell'Est ai tempi del muro. In teoria più rigida e austera - l'aborto e la prostituzione erano considerate illegali - ma anche più disponibile e predisposta a discutere liberamente di sessualità. Al contrario, nella Germania dell'Ovest, nonostante apparentemente ci fosse una maggiore apertura sulle tematiche legate alla sessualità, in realtà era un tema ancora considerato tabù.

Prova a rispondere alla domanda Metropolsex - Dentro Berlino (titolo originale: Inside Berlin - Metropolsex), un reportage di stampo documentaristico che racconta la vivace vita sessuale della Berlino di oggi - dopo la caduta del muro - città famosa per l'arte, la creatività, ma anche per il forte edonismo che la contraddistingue. Un viaggio alla scoperta del rapporto che intercorre tra la sessualità e la vita metropolitana dei cittadini che le abitano, che svela come il sesso esista in una miriade di sfumature differenti.

Ultimi Video

Palinsesti TV